Sì, accetto i cookie per avere la migliore esperienza possibile su questo sito web.

  • slide1.jpg
  • slide2.jpg

Il Comune di Grisignana ha festeggiato il suo patrono San Biagio con la tradizionale messa solenne nella chiesa parrocchiale e un ricco programma culturale che si è tenuto nella sala concerti locale. A presentarsi al pubblico sono stati Branka Biloslav, che ha interpretato alcune delle sue poesie dedicate al Grisignanese e alle sue genti, Ezio Damiani, con la sua canzone “Dragi sine moj”, nonchè gli attori della filodrammatica “Circolo Zavata”, della Comunità degli Italiani di Torre. Alla sera si è ballato e cantato con il gruppo “Trio Saltin” e amici.

Scritto da ak, La voce del popolo, 05 Febbraio 2015

Una bellissima giornata di sole ha fatto da cornice ieri alla 21.esima edizione dell’Ex tempore di Grisignana, manifestazione che anche quest’anno ha attirato numerosi artisti, appassionati d’arte e turisti nell’affascinante borgo medievale dell’Alto Buiese. Una vera e propria “piccola Europa artistica”, come l’ha definita il sindaco Claudio Stocovaz, in quanto vi hanno preso parte, come da tradizione, artisti provenienti da diversi Paesi e appartenenti a diverse etnie.

Alla manifestazione, organizzata dall’UI-UPT, dal Comune e dalla CI di Grisignana con il contributo del Consiglio delle minoranze, hanno aderito 425 autori con 625 tele timbrate, di cui ne sono state riconsegnate 492.
L’arduo compito di scegliere le opere migliori è spettato al critico d’arte e presidente della giuria Ludovico Pratesi, al critico d’arte Renzo Grigolon, al gallerista e storico del cinema Marco Puntin, alla critica d’arte Lorella Limoncin Toth, alla curatrice delle Gallerie costiere di Pirano Maida Boseglav Japelj, e al critico d’arte e scultore Eugen Borkovsky.
Il primo premio, del valore di 2.500 euro, è stato assegnato a Bojan Šumonja di Pola per l’opera “Figlio del Tiepolo”, con la motivazione: “Per la forza espressiva del soggetto, la qualità della tecnica e la sottile ironia dell’immagine, la cui ambiguità può essere interpretata in modi diversi ma sempre efficaci”. È intitolata “Block 1” l’opera di Nicola Tomasi di Gorizia, insignito del secondo premio (1.500 euro) con la motivazione: “La scena rappresentata nel dittico fa riferimento alla dimensione anonima ma poetica della vita quotidiana, che l’artista interpreta in maniera sottile e sospesa nel tempo”. A Saša Kosanović di Zagabria è stato assegnato invece il terzo premio (mille euro) per il lavoro “Smrt fašizma” (La morte del fascismo). La motivazione recita: “L’immagine fotografica, che riprende una realtà comune in tutta l’Istria, sottolinea una capacità di prendere ispirazione dal passato per raccontare le contraddizioni della storia”.
Il premio Città di Grisignana (mille euro) è stato conferito a Jasna Šikanja di Laurana per l’opera “Senza titolo”. Il primo premio sponsor della Ditta Vallis di Pisino e della Ditta SAF di Trieste (mille euro) è stato assegnato a Nataša Bezić di Buie per l’opera “Odmor” (Riposo), mentre il secondo premio sponsor, che consiste nella realizzazione di una mostra personale alla Galleria Fonticus di Grisignana, è andato a Renata Pentek Šimoković di Fiume per il lavoro “Istra new ambient”.
“Le ventuno edizioni dell’Ex tempore sono state uno strumento che ha portato la cittadina di Grisignana a questi livelli e sono orgoglioso di dirigere uno strumento che ha reso possibile simili traguardi”, ha dichiarato il presidente dell’UPT, Fabrizio Somma, nell’ambito della cerimonia di consegna dei premi. Il presidente dell’UI Furio Radin ha constatato invece che l’Ex tempore di Grisignana quest’anno è diventata maggiorenne. “Per noi è un onore organizzarla. Il pensiero creativo si chiama pensiero divergente e per me è un onore avere qui con noi tante persone divergenti”, ha concluso Radin.
Alla cerimonia hanno preso parte anche il console generale d’Italia a Fiume, Renato Cianfarani, il presidente della Giunta esecutiva dell’UI, Maurizio Tremul, la vicepresidente della Regione Istriana, Giuseppina Rajko, e il presidente della CI di Grisignana, Mauro Gorjan.

Helena Labus Bačić

Sorgente articolo: La Voce del Popolo - Lunedì, 29 Settembre 2014